Viaggio a Palermo? quale mezzo di trasporto conviene

Palermo è una deliziosa città situata nella parte nord occidentale della Sicilia, per il suo variegato patrimonio artistico e per le sue spiagge bianche rappresenta una meta gettonata dai turisti di tutto il mondo. Per trascorrere una vacanza indimenticabile nel capoluogo siculo, qual è il mezzo migliore per raggiungere Palermo? La città palermitana è dotata di una fitta rete di collegamenti che consente di arrivare nell’isola come e quando si desidera, basta soltanto selezionare la modalità di viaggio più consona alle proprie esigenze.

Come arrivare a Palermo in treno

La città siciliana è raggiungibile tramite collegamenti ferroviari che partono diretti dalla capitale e dai maggiori capoluoghi italiani come Milano, Napoli e Reggio Calabria. Per arrivare a Palermo da Roma, il treno impiega circa dodici ore, con partenze sia mattutine che serali. I tragitti in nottata prevedono l’opportunità di prenotare, con l’aggiunta di un supplemento, una cuccetta all’interno di ampi scomparti nei quali i passeggeri possono riposare durante il viaggio. Il costo del biglietto ferroviario comprende la traversata in traghetto nello stretto di Messina. Durante il percorso da Messina a Palermo vengono effettuate diverse fermate intermedie nelle principali stazioni locali.

Arrivare a Palermo in aereo

Il capoluogo siciliano presenta un’efficiente stazione aeroportuale con terminal nazionali e internazionali che consentono di raggiungere la città da ogni parte del globo. L’aeroporto Falcone Borsellino è situato nel comune di Punta Raisi, a circa trenta km dal centro cittadino. Il tempo necessario per arrivare a Palermo da Roma in aereo si quantifica in meno di un’ora di volo, un servizio rapido se si vuol raggiungere immediatamente la città siciliana. Una volta atterrati si può arrivare dall’aeroporto a Palermo centro attraverso il servizio bus, la metropolitana o il taxi, che presentano una programmazione di partenza subordinata ai voli in arrivo. I biglietti dei trasporti pubblici terrestri possono essere effettuati direttamente a bordo al momento della partenza, inoltre all’aeroporto di Palermo è possibile usufruire del servizio taxi sharing, con il quale si può condividere il percorso e il costo del tragitto con altri quattro passeggeri.

Come arrivare a Palermo in auto

Una valida alternativa al treno e all’aereo, è il viaggio in automobile. Raggiungere Palermo in auto non è un’impresa impossibile, soprattutto inseguito alla fine dei lavori di manutenzione del tratto stradale che collega Salerno a Reggio Calabria. Per coloro che partono da Roma, destinazione Palermo, il percorso in auto è stimato sulle 12 ore. Il viaggio inizia imboccando la A1 da Roma a Napoli, segue il tratto Salerno Reggio Calabria, uscita Villa San Giovanni, dove è presente l’imbarco auto per la Sicilia. L’ultimo tratto da percorrere è l’autostrada Messina Palermo, percorribile in circa due ore e mezza. Raggiungere Palermo via terra può rivelarsi un viaggio lungo e pesante, soprattutto se non si prevedono soste intermedie prolungate. Prima di salire in auto per la Sicilia è bene considerare ogni possibile imprevisto, specie sulla tratta dell’autostrada calabra che è spesso soggetta a traffico intenso d’estate e a ghiacciate d’inverno.

Come arrivare a Palermo da Napoli

Se si desidera raggiungere il capoluogo siciliano in totale relax e confort, si consiglia di salire a bordo di una nave al molo partenopeo. I traghetti Napoli Palermo effettuano traversate giornaliere in dieci ore, generalmente in nottata. All’interno dei traghetti per Palermo si può imbarcare il proprio mezzo, come auto, moto o camper, e viaggiare riposando tranquillamente all’interno di una camera privata dotata di servizi igienici, oppure in una confortevole poltrona. La traversata è garantita dalle compagnie Tirrenia e GNV, che durante i periodi di alta stagione intensificano i collegamenti per la Sicilia, aggiungendo tratte giornaliere.

Come raggiungere Palermo in traghetto

Il porto palermitano è collegato con una fitta rete di traghetti che quotidianamente collegano la città alle maggiori stazioni portuali italiane che si affacciano sul Mediterraneo. Arrivare a Palermo via mare è sicuramente la modalità di viaggio più indicata sia per chi parte da solo che in compagnia dei familiari. Imbarcarsi nei traghetti per Palermo permette di raggiungere la propria destinazione in modo economico e senza fatica, imbarcando la propria auto a bordo. Per intrattenere i passeggeri durante la traversata, i traghetti sono dotati di servizi di ristorazione, shop e sala cinema, ai piccoli viaggiatori è invece riservata una sala con giochi e tanto divertimento.

  • Traghetti Cagliari Palermo: Mettono in comunicazione le due isole maggiori con traversate gestite dalla compagnia marittima Tirrenia. Il viaggio si svolge in serata, con una durata media di 13 ore.
  • Traghetti Civitavecchia Palermo: La GNV si occupa di gestire i traghetti in partenza dal porto laziale, il percorso si svolge in 14 ore con partenze serali.
  • Traghetti Genova Palermo: La traversata che collega i due capoluoghi, attraversa tutto il Tirreno impiegando circa 20 ore di navigazione, con imbarchi effettuati al tramonto.
  • Traghetti Livorno Palermo: Le navi della compagnia Grimaldi assicurano i collegamenti con Palermo dal porto toscano in 19 ore.
  • Traghetti Salerno Palermo: Gli imbarchi nei traghetti sono pianificati in tarda serata, il tragitto viene eseguito in poco più di 9 ore.
  • Traghetti Tunisi Palermo: L’unica tratta internazionale per raggiungere direttamente il capoluogo siciliano salpa dal porto di Tunisi.

Il viaggio nei traghetti GNV è intrapreso in serata, con durata inferiore a 10 ore.
Arrivare in nave a Palermo rappresenta una soluzione di viaggio funzionale ed economica, che consente di portare con sé la propria auto e la propria famiglia senza alcun tipo di stress. Seleziona il porto più vicino al luogo di partenza e prenota un posto a bordo dei traghetti per Palermo, potrai iniziare a goderti la tua vacanza iniziando già dal viaggio!

Categorie: Sicilia